Vai ai contenuti

Ciliegie

Menu

Antiacqua  Anti-suzukii  Antibrina  Antigrandine

Impianto anti-acqua anti insetto per ciliegi

 Con questa tipologia di impianto riusciamo a risolvere su impianti in parete con altezza massima piante 2,80m. o 4,00m. e larghezza parete di 120cm (l'ideale impianti fitti o ultra-fitti su gisella 5) tutte le fisiopatie sia dovute a condizioni climatiche (cracking,monilia, gelo,vento, scottature) sia a danni di insetti e volatili non dovendo più effettuare nessun trattamento per tentredine, mosca della frutta, suzuki, cimicetta, cocciniglia, afidi.
 Inoltre, tenendo l'impianto chiuso in fioritura potremo regolare l'impollinazione tramite arnie di bombi regolando anche il carico produttivo e prevenendo i danni da gelo proteggendo la cultura fino a -4°.
 Con questa tipologia di impianto di fatto é possibile produrre ciliegie in bio di ottima qualità.

 L'impianto come tutti gli impianti
Keep In Touch è mono fila ed é composto questi componenti:
 Rete anti-acqua anti-insetto coperta da brevetto così realizzata:
 Parte superiore con funzione anti-acqua traspirante larga 180cm (altezza impianto 2,80m),larga 260cm (altezza impianto 4,00) formata da due reti sovrapposte anti-insetto  con maglie ultra-fitte la rete superiore serve a rompere la forza cinetica e a far defluire 80% dell'acqua, la rete inferiore asporta il restate 20%

 Parti laterali costruite con telo anti - suzuki con maglie di 1,3/1,3mm.

Braccetto in tubolare a 'V'rovesciato => da applicare al copri palo.

Per questa tipologia di impianti é indispensabile una colonna in cemento 9/9cm.

Componenti del sistema consigliati da noi
Rete anti-acqua.
Braccetti in ferro: 1 pezzo ogni 7- 8m lineari.

Placchetta 2 punti: 2 ogni 7- 8m lineari.
Ganci in acciaio cotto zincato per bloccare la rete alle colonne: 1 pezzo ogni 7- 8 metri lineari.

Placchette di cucitura Clip Morsa 70: 25 pezzi ogni rotolo.

Placchette Stop.Film: 4 ogni 7- 8m lineari.

Placchette Clip Morsa70: 4 pezzi per ogni testata.

Pallina con elastico: 4 pezzi per ogni testata.


     Colonne consigliate:
Per impianti fino a 2,80m. colonne in cemento precompresso 8/8cm. (a 6 fili),passo colonne 6m.
Per impianti fino a 4m. colonne in cemento precompresso 8/8cm. (a 6 fili),passo colonne 6m.
Per le testate consigliamo colonne 9/12mm.

Filo di colmo 4mm. o Fune in acciaio zincato a 19 fili 5mm
Fili laterali 2mm.



CON QUESTA TIPOLOGIA DÌ IMPIANTO SI VA A RISOLVERE QUESTI PROBLEMI TECNICI E AGRONOMICI


    VANTAGGI TECNICI

  1. Tenuta perfetta alla pioggia.
  2. Passaggio di aria, quindi ventilazione.
  3. All'interno luce soffusa e massima protezione dai raggi diretti nelle ore più calde (12-16).
  4. Velocità  di montaggio 40-50 ore ad ettaro senza manodopera specializzata e attrezzature particolari (basta un carro raccolta o un rimorchio, una chiave da 13mm. e una tronchese).
  5. Durata dell'impianto,(dalle esperienze in campo oltre 10 anni).  
  6. Tenuta perfetta con zero danni nei confronti di qualsiasi grandinata.
  7. Velocità  di apertura e chiusura dell' impianto (2 persone 2-3 ore-ettaro).
  8. Stabilita dell' impianto, essendo ancorata alla base delle colonne i venti scivoleranno all'esterno della rete.
  9. Facilita di progetto, basta che ci comunicate i metri lineari e l'altezza ( 2,80m.- 4m.) per calcolare il materiale esatto del vostro impianto.
  10. Possibilità di effettuare trattamenti con atomizzatori a reti posizionate.


   VANTAGGI AGRONOMICI

  1. Cracking su ciliege, albicocche e su tutte quelle cultivar soggette a questo fenomeno.
  2. Protezione totale nei confronti di tutti gli insetti dannosi delle drupacee.
  3. Grazie all'assenza di bagnatura fogliare e alla riduzione di umidità controlleremo la maggior parte di malattie  fungine. praticamente l'unico fungo da controllare su drupacee e l'oidio.
  4. Controllo dei vettori di virosi,batteriosi, fitoplasmi.
  5. Anti-brina, visto la velocità di apertura del sistema (un ora/ettaro,due persone) in caso di  pericolo brinate primaverili potremo proteggere la frutta fino a -3° -4° sotto zero.
  6. Grazie alla minor disidratazione fogliare minor consumo di acqua, 30-50% in meno.
  7. Effetto pacciamatura, posizionato in primavera il sistema eviteremo diserbi o costose  operazioni di sfalcio o lavorazioni del frutteto.
  8. Protezione totale da danni di uccelli.
  9. Protezione da danni da vento.
  10. Maturazione uniforme, riduzione della scalarità di raccolta (su ciliege, albicocche e susine raccolta unica).
  11. Possibilità di produrre senza difficoltà in regime biologico o a residuo zero, frutta che  fino ad oggi era impossibile coltivare in tali regimi.
  12. Pianificazione commerciale, le produzioni non saranno influenzate da eventi atmosferici, quindi l'azienda può pianificare insieme ai suoi partner commerciali le strategie di vendita più remunerative.


   VANTAGGI ECONOMICI SU UN ETTARO DÌ CILIEGE O ALBICOCCHE

  1. Cracking,e lesioni alla buccia su ciliege ed albicocche media 15% anno        €6000
  2. Controllo di insetti e funghi prodotti più operatore e macchinari                  €800
  3. Sanità impianto                                                                                               €400
  4. Assicurazioni brina e grandine  (6% su capitale assicurato)                            €1800
  5. Irrigazione, risparmio del 30% di acqua                                                          €300
  6. Diserbi e lavorazioni 4 passaggi in meno                                                        €300
  7. Danni da uccelli e vento  5%                                                                           €2000
  8. Riduzione di un passaggio di raccolta                                                             €800
  9. Prezzi Plasmon  (mediamente più 20%)                                                          €6000
  10. Pianificazione commerciale non misurabile economicamente ma importantissimo per affrontare i mercati internazionali
Totale vantaggi economici annuali:                                               €18400

       


Torna ai contenuti